MENU

Cooperazione allo sviluppo

La cooperazione allo sviluppo è quella forma di collaborazione che avviene tra Stati (e tra Stati e organizzazioni internazionali) il cui obiettivo è lo sviluppo del sistema globale, in particolare di quelle aree considerate deboli (Wikipedia). 

Secondo il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, la cooperazione allo sviluppo è parte integrante della politica estera italiana e “si fonda su due basi prioritarie. La prima è l’esigenza solidaristica di garantire a tutti gli abitanti del pianeta la tutela della vita e della dignità umana. La seconda vede nella cooperazione il metodo per instaurare, migliorare e consolidare le relazioni tra i diversi Paesi e le diverse comunità. Questo scambio tra pari, oltre che far crescere la conoscenza reciproca necessaria a comprendere le reali necessità delle comunità locali destinatarie degli interventi, favorisce relazioni finalizzate ad una crescita economica, ma soprattutto sociale ed umana, rispettosa dell’ambiente e delle diverse culture e che sappia tutelare i beni comuni come acqua, cibo ed energia, così da assicurare la crescita del benessere delle popolazioni e perseguire la pace tra i popoli ”.

Il Dipartimento di Scienze della Terra ha inserito la cooperazione allo sviluppo tra le proprie priorità, nella convinzione che lo sviluppo inteso in senso ampio significhi crescita solidale e sinergica, proiettata verso il raggiungimento di un benessere diffuso e sostenibile da ogni punto di vista. Per raggiungere un simile obiettivo è indispensabile un impegno sinergico tra le comunità scientifiche in generale e tra quelle impegnate nello studio delle scienze della Terra in particolare, dato che la sostenibilità della presenza dell’uomo sulla Terra non può prescindere da una ricerca continua di chiavi di lettura sempre più efficaci per comprendere le dinamiche passate, presenti e future del pianeta in cui viviamo.

Il Dipartimento di Scienze della Terra ha partecipato e partecipa a numerosi progetti ed iniziative con finalità di cooperazione allo sviluppo.

 

Lista progetti (dal 2018) 

 

Progetto: I BACINI MIO-PLIOCENICI DEL MAROCCO CENTRALE: UNA COLLABORAZIONE INTERNAZIONALE IN CERCA DELLE NOSTRE RADICI

Finanziatore/committente: MAECI 

Paese: Marocco

Date: 2018 -2019

Responsabile: Prof. Lorenzo Rook 

 

Progetto: BUIA - UNA FINESTRA SULLE ORIGINI DELL'UMANITA': COLLABORAZIONE A SCAVI, RICERCHE E FORMAZIONE DI PERSONALE IN LOCO

Finanziatore/committente: MAECI 

Paese: Eritrea

Date: 2018 - 2021

Responsabile: Prof. Lorenzo Rook 

 

Progetto: DMANISI - VALORIZZAZIONE DEL SITO PALEOLITICO ATTRAVERSO COOPERAZIONE A SCAVI, RESTAURI E RICERCHE

Finanziatore/committente: MAECI 

Paese: Georgia

Date: 2018 - 2021

Responsabile: Prof. Lorenzo Rook 

 

Progetto: Prevention and Sustainable  Management of Geo-hydrological Hazard at Shushtar Historical Hydraulic System (Iran)

Finanziatore/committente: UNESCO TEHRAN CLUSTER OFFICE - The United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization

Paese: Iran

Date: 2019

Responsabile: Prof. Giovanni Gigli 

 

Progetto: Reframing Heritage Education in Egypt (Re-HeED Erasmus+)

Finanziatore/committente: Commissione Europea 

Paese: Egitto

Date: 2019 - in corso

Responsabile: Prof.ssa Veronica Tofani 

Note: Lo scopo del progetto consiste nell’aiutare gli egiziani a sviluppare un corso di studi per la gestione del loro patrimonio, da cui dipende buona parte del PIL del loro paese.

 

Progetto: BrIta - (progetto di cooperazione tra Brasile e Italia)

Finanziatore/committente: Ateneo di Firenze (fondi internazionalizzazione)

Paese: Brasile

Date: 2019

Responsabile: Samuele Segoni

Note: trasferimento di metodologie già consolidate in Italia ed applicazione in un sito brasiliano, per la previsione operativa di fenomeni franosi finalizzata alla realizzazione di sistemi di allertamento rapido e gestione del rischio associato. 

 

Progetto: 58517_INTERNAZIONALIZZAZIONE

Finanziatore/committente: Ateneo di Firenze (fondi internazionalizzazione)

Paese: India

Date: 2020

Responsabile: Samuele Segoni

Note: trasferimento di metodologie già consolidate in Italia ed applicazione in aree di studio in India, per la previsione operativa di fenomeni franosi finalizzata alla realizzazione di sistemi di allertamento rapido e gestione del rischio associato. 

 

 

Ultimo aggiornamento

12.05.2021

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni