MENU

Articolo su Nature Reviews di Paola Vannucchi

05 Ottobre 2020

Articolo su Nature Reviews di Paola Vannucchi

Erosione Tettonica e magmatismo di arco (Tectonic erosion and arc volcanism), Nature Reviews Earth & Environment – di Straub, Tuena e Vannucchi, 2020.

Le zone di subduzione si estendono per 62.000 km sulla superficie terrestre e circa la metà sono caratterizzate da erosione tettonica. L’erosione tettonica determina l’asportazione di materiale dalla placca superiore durante il processo di subduzione. La composizione del materiale sottratto può variare da materiale della crosta superiore, come ad esempio sedimenti, fino alla parte più profonda della crosta continentale, come le radici di apparati vulcanici di arco o rocce cristalline, ed anche rocce tipiche della crosta oceanica. Essendo un processo sottrattivo, l’erosione tettonica non si vede e capire cosa accade al materiale asportato è di grande interesse per comprendere come si originano e si distruggono (se si distruggono) i continenti e come il mantello può essere modificato e rifertilizzato da componenti riciclate dalla crosta. In questa review ci concentriamo sugli archi vulcanici che per primi consentono ai componenti del materiale eroso tettonicamente di riemergere in superficie dopo essersi mescolati con il mantello. Da questa revisione, dove si analizzano gli elementi che consentono di definire un margine erosivo invece che in accrescimento, emerge il legame fra i processi di fossa, di avanarco e di arco nella formazione dei continenti e permette di definire quadro più preciso della natura del mantello e della sua eterogeneità.

 

 

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni